Uncategorized

Come amplificare il segnale TV in casa

Per amplificare il segnale TV in casa, si deve tenere conto di alcuni fattori e seguire i passi giusti. Ecco cosa fare.

Indice

  1. Scegliere un amplificatore può servire?
  2. Come orientare l’antenna
  3. Utilizzare una smart TV Wi-fi
  4. Verificare prima la zona
  5. Le cause del cattivo segnale TV
  6. Conclusione

 

Scegliere un amplificatore può servire?

In alcune zone dove il segnale non fa il suo dovere, non serve a molto lavorare sui fili, oppure orientare l’antenna. Oggi, ci sono tantissimi amplificatori di segnale, che fanno il loro dovere. Un amplificatore costa fino a 25 Euro.

Collegare l’amplificatore è abbastanza semplice. Basta seguire il manuale di istruzioni, scollegare l’antenna della TV e collegarla a questo piccolo apparecchio, che andrà poi collegato alla rete elettrica. In più, ogni piccolo amplificatore ha un libretto di istruzioni da seguire.

Se si dovesse perdere il libretto, si possono scaricare le versioni PDF dai siti ufficiali dei produttori. Scegliendo su Amazon, si ha la certezza del diritto di recesso e della possibilità di restituire il prodotto entro 14 giorni grazie al diritto di recesso.

 

Come orientare l’antenna

Quando mettere un amplificatore non basta, allora serve assolutamente chiamare un tecnico per orientare l’antenna, al fine di amplificare il segnale TV in casa. In questo caso, si può comunque cercare su Google Maps come orientare l’antenna per ottenere un segnale di migliore qualità.

Su Google Maps si deve scrivere “Ripetitori TV [nome della propria città]”. Ora, si clicca sul bottone in alto a forma di rombo con una freccia all’interno. A questo punto, si inserisce la propria via di casa e la si collega al ripetitore: quella sarà la direzione che dovrebbe avere l’antenna.

In ogni caso, è più sicuro rivolgersi agli strumenti dello specialista, che sono in grado di indicare la qualità del segnale e la copertura, agendo di conseguenza. Una volta orientata bene l’antenna, si dovrà risintonizzare il decoder.

 

Utilizzare una smart TV Wi-fi

Per fortuna, oggi non esiste solo la rete analogica, ma anche quella digitale. Quindi, chi sceglie una smart TV Wi-fi può contare sul segnale di “Internet”, certamente più veloce e con ripetitori più efficaci. Grazie ai decoder di ultima generazione, si può scegliere di:

  • Vedere i canali tradizionali come al solito, ma usando una rete Wi-fi.
  • Andare dalla smart TV sui siti di Rai e di Mediaset. In questo modo, si potranno vedere i programmi quando si vuole, a qualsiasi orario.

Per la Rai, il sito a cui fare riferimento è RaiPlay. Anche se si è pagato il canone, serve un indirizzo e-mail e una password, per poter accedere ai canali in diretta. Basta andare sul sito e cliccare su Registrati. A questo punto, si segue la procedura guidata fino a ricevere la mail di conferma. Ci sarà un link da cliccare.

A questo punto, si potranno guardare tutti i canali Rai senza dover amplificare il segnale TV in casa. Per Mediaset, invece, il sito è mediaset.it. Non è necessario sottoscrivere un abbonamento, ma sarà necessario comunque registrarsi sul sito per sicurezza.

Naturalmente, scegliere una smart TV ha ulteriori vantaggi, come vedere Youtube, Netflix, Sky e poter utilizzare le Pay TV con le carte prepagate.

 

Verificare prima la zona

Per evitare di avere la preoccupazione di amplificare il segnale TV in casa, conviene agire di anticipo e verificare la copertura della zona, sia dal punto di vista dell’antenna TV, sia dal punto di vista della rete Wi-fi.

In questo modo, si potranno evitare problemi successivi al trasloco. In ogni caso, oggi come oggi è importante scegliere una smart TV con digitale terrestre di ultima generazione. Come mai? Perché così non ci saranno problemi quando si passerà alla nuova generazione del segnale.

Fare la verifica della zona è abbastanza semplice. Per la rete Wi-fi, basta andare alla sezione relativa alla verifica della copertura sui siti dei gestori. Basta inserire la via dove si vuole abitare e subito si vede la copertura.

Per la questione della rete analogica, invece, conviene chiamare un’antennista e vedere qual è la situazione e qual è la strategia migliore per amplificare il segnale.

 

Le cause del cattivo segnale TV

Quali sono le cause del segnale TV scarso?

  • Il rumore. Secondo la norma EN 50083-7 art. 5.6, il ricevitore non può superare i 15 dB di rumore, con una differenza massima di 6 dB.
  • Gli errori. Ci sono diversi errori che possono capitare quando si monta o si sposta un’antenna. Gli errori si chiamano Bit Error Rate (BER). Si tratta di classici problemi di trasmissione. Nella norma, “salta” 1 bit su 1000. Per capire se la ricezione è quella giusta, si può far verificare dall’antennista il parametro MER (Modulation Error Ratio). Per avere la certezza che non ci siano problemi di trasmissione, questo parametro non può superare i 9 dB.
  • Anomalie di sintonia e memorizzazione. Questo problema si risolve con una ricerca canali e cambiando il cavo SCART. Infatti, un cavo difettoso porta a canali che si vedono malissimo, anche se non dipende dall’antenna. Quindi, una volta cambiato il cavo, si può passare alla sintonizzazione per poter vedere di nuovo i canali come prima.
  • Più antenne generano interferenza. Un appartamento non dovrebbe avere più di un’antenna. Non è un fatto di spazio, ma di interferenza. Infatti, due antenne vicine non prendono il doppio del segnale, ma emettono frequenze che si contrastano tra di loro. Per questo, quando si sceglie un’antenna parabolica, si deve anche capire come gestire l’antenna TV di conseguenza.

Conclusione

Per amplificare il segnale TV, servono dei professionisti. Per inserire un amplificatore, non serve un antennista, ma per capire cosa non va all’antenna, un parere tecnico è assolutamente necessario.

Il consiglio è di scegliere un amplificatore che rispetta le normative quando non è un problema di antenna, ma piuttosto di copertura.

Nell’attesa che arrivi il tecnico e per evitare disagi, conviene scegliere sempre una smart TV, in modo da poter usare la rete Wi-fi in caso di imprevisti e non solo.

Oggi, le smart TV si possono sia collegare all’antenna, sia alla rete Internet. In questo modo, si possono utilizzare anche quando non c’è moltissimo segnale analogico. Quando ci sono problemi di segnale, se risintonizzare il decoder non basta o se si devono fare cambiamenti per via di un abbonamento, chiamare un tecnico è sempre la soluzione migliore, accanto ai giusti amplificatori!

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button